Il Centro Culturale di San Francesco
in evidenza Venerdì 22 novembre a Palazzo Costi prendono il via le celebrazioni per il rinnovo del patto di gemellaggio con Fiorano Modenese e Maranello: alle 16.30 convegno "L’Italia delle origini (VI IV millennio a.C.): le culture di Fiorano e Ozieri"; alle 18.00 inaugurazione mostre "Migrantes per l'Europa" e "Maranello, Ferrari e la sua gente" visitabili fino al 30 novembre- Sabato 23 novembre alle 16.30 al Museo Archeologico "Alle Clarisse" cermonia di rinnovo del patto di gemellaggio - Sabato 23 novembre alle 17.00 nella Pinacoteca Cittadina "G. Altana" Tonino Oppes presenta il suo libro "Il ballo delle Janas" con l'esibizione delle allieve della palestra DanceOzieri Academy - Mercoledì 27 novembre nella sala ragazzi della Biblioteca Comunale Daniela Mele incontra i bambini per presentare il suo libro "Le avventure della scopa saggina" con laboratorio per la creazione di una scopa saggina - Fino al 1 dicembre nella Pinacoteca cittadina "G. Altana" sarà visitabile la Mostra "Mauerfall: il muro, la caduta e il dopo" - Orari invernali Grotta San Michele e chiesa Sant'Antioco di Bisarcio: dal martedì alla domenica 10.00 - 13.00 e 14.00 - 17.00
Stampa

 

Anche per il 2019 si vuole rinnovare il patto di gemellaggio tra i Comuni di Ozieri, Ittireddu, Burgos e Bultei con i comuni di Fiorano Modenese e Maranello.

Da venerdì 22 a domenica 24 novembre 2019 si svolgeranno una serie di manifestazioni per celebrare questo patto sottoscritto più di 30 anni fa.

Da allora i rapporti fra queste comunità non si sono mai interrotti, grazie all’impegno delle amministrazioni che negli anni si sono succedute e del Circolo Nuraghe di Fiorano Modenese e della Fasi che hanno promosso momenti di riflessione sul presente e sul futuro dei gemellaggi, per dare sviluppo all’amicizia fra le diverse comunità e per affrontare insieme tematiche ineludibili come sviluppo, lavoro, integrazione.

Il programma istituzionale della tre giorni si apre ad Ozieri venerdì 22 novembre, alle ore 16.30, con il convegno “L’Italia delle origini (VI IV millennio a.C.) : le culture di Fiorano e Ozieri” a palazzo Costi, nel quale Stefania Spaggiari, direttore del Museo della Ceramica del Castello di Spezzano e l’archeologa Michela Migaleddu tracceranno un raffronto tra le neolitiche di Fiorano e di Ozieri.

A Palazzo Costi saranno esposte le mostre ”Maranello, Ferrari e la sua gente” e “Migrantes per l’Europa”

La prima è una raccolta di foto scattate sia in fabbrica che nell'Istituto superiore IPSIA Ferrari, ma anche foto di personaggi famosi come Mastroianni, Silvester Stallone, Adolfo Celi, che raccontano la storia di questa grande casa automobilistica.

“Migrantes per l’Europa” è una raccolta di vignette, selezionate da Luca Paulesu, per sensibilizzare il pubblico su temi come la migrazione dei popoli e l’integrazione fornendo un’occasione di confronto e riflessione.

L’inaugurazione delle mostre è prevista alle 18.00 di venerdì 22 novembre e saranno visitabili fino al 30 novembre, dalle ore 16 alle ore 19.

La cerimonia ufficiale per il rinnovo degli impegni previsti nel protocollo di gemellaggio si svolgerà sabato pomeriggio, a Ozieri alle 16.30 nella sala conferenze del Museo Archeologico “Alle Clarisse”, al termine della quale si esibiranno il Coro Città di Ozieri e i balletti Folk Sant’Antioco di Bisarcio e Beata Vergine del Rimedio.

Sabato e domenica le delegazioni incontreranno le amministrazioni di Bultei (con visita alla Foresta di Fiorentini), Ittireddu (con visita al Museo Archeologico ed esibizione del gruppo folk Santu Jagu e del coro di Ittireddu) e Burgos (con visita al castello). La comitiva sarà accompagnata da una rappresentanza del Club Ferrari della Provincia di Sassari

La manifestazione è realizzata grazie del patrocinio del Comune di Ozieri, del Premio Ozieri, della FASI-Federazione Associazioni Sarde in Italia e del Comune di Burgos, Bultei e Ittireddu, e alla collaborazione dell’Istituzione San Michele.

Saranno inoltre presenti Francesco Tosi, Sindaco di Fiorano, e Luigi Zironi, Sindaco di Maranello.

Stampa

 

Mercoledì 27 novembre alle 16.30 nella sala ragazzi della biblioteca comunale di Ozieri, la scrittrice Daniela Mele presenta il libro dedicato ai più piccoli “Le avventure della scopa saggina”

Saggina è una scopa magica in grado di rafforzare la fiducia in se stessi di tutti quelli che le stanno vicino. Passando di mano in mano, finendo su un treno e sulla stiva di un aereo, la scopa riesce a coronare il sogno di vedere il mondo, nonostante per sua natura non riesca a muoversi liberamente e a comunicare con gli umani. Questo è il libro che insegna ai piccoli lettori che volere è potere, che è possibile raggiungere la meta anche quando si parte con qualche difficoltà. Inoltre la scopa Saggina incontra i personaggi più vari grazie ai quali viene insegnato il rispetto per la natura e per ogni tipo di diversità.

Al termine della chiacchierata, Daniela terrà un breve laboratorio dove i bambini potranno creare le proprie scopette di saggina personalizzate.

Stampa

 

Giovedì 14 novembre alle ore 17 riprenderà l’appuntamento “un tè al museo” organizzato dall’Istituzione San Michele presso il Museo archeologico “Alle Clarisse” di Ozieri. Il programma sarà calendarizzato in 12 incontri, di cui 4 nel 2019 e gli altri nel 2020. Le lezioni, tenute da illustri studiosi e da docenti di fama internazionale, condurranno i partecipanti lungo un percorso storico che dalla Sardegna fenicia e punica arriverà fino all’età moderna; alcune saranno invece incentrate sull’analisi di alcuni campi specifici dell’archeologia, come l’archeobotanica, lo studio della ceramica, l’antropologia, ecc. Tutte le lezioni avranno un approfondimento mirato alla conoscenza della Sardegna durante le varie epoche storiche, con connessioni, in alcuni casi, col territorio di Ozieri. Il primo appuntamento sarà tenuto da prof. Michele Guirguis, docente di archeologia fenicio punica all’Università degli studi di Sassari. Seguirà il 22 novembre la lezione sui popoli del mare, tenuta da prof. Francesco Pala, il 5 novembre il dott. Giacomo Calvia, dottorando in Scienze e Tecnologie della Terra e dell'Ambiente effettuerà un excursus sulla flora e la fauna in Sardegna dalla preistoria ai giorni nostri, e il 12 dicembre il già Rettore prof. Attilio Mastino terrà una lezione sulla Sardegna romana. Le successive lezioni saranno calendarizzate in seguito, in base alla disponibilità dei docenti. Gli incontri sono aperti a tutti: curiosi, appassionati, docenti delle scuole di ogni ordine e grado, guide turistiche, università della terza età. Gli incontri si svolgeranno presso il museo archeologico di Ozieri dalle ore 17:00 alle ore 18:30, a partire dal 14 novembre 2019, di giovedì. Il costo del pacchetto di quattro conversazioni è di 20 euro. Il costo del gettone per singolo incontro è di 6 euro. Le iscrizioni dovranno pervenire ai numeri di telefono 079/7851052 o alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. sarà inoltre possibile ricevere il programma completo degli incontri, con il dettaglio degli argomenti trattati.

                                                                                               Il direttore del Museo Archeologico

                                                                                            Giovanni Frau

Stampa

 

Sabato 23 Novembre alle ore 17.00 nella suggestiva atmosfera della Pinacoteca Cittadina G. Altana, lo scrittore Tonino Oppes presenterà il suo libro "Il ballo con le Janas".

«Dopo un’assenza di alcuni decenni, le janas sono tornate in Sardegna. Credevano d’essere immortali. Eppure hanno una grande paura d’essere dimenticate. Sperano di salvarsi affidando una missione particolare ad un uomo cresciuto in un paese: deve raccontare la loro storia, con la semplicità dei narratori che ha conosciuto da bambino. Soltanto così il mito può durare in eterno».

Il libro ha come narratrice la jana Tidora, tornata in mezzo agli uomini perché ha il timore d'essere dimenticata. La memoria è tutto per l'autore che, proprio sulla nostra cultura popolare, ha intessuto quanto di più magico potesse esserci: l’immersione nello scrigno dei ricordi.

Quello di Sabato, sarà dunque un salto nel passato di intere generazioni cresciute intorno a quelli che un tempo furono “Sos contos de foghile”, i racconti del focolare.

Leggende, fiabe o aneddoti, che nelle fredde notti d'inverno gli anziani, davanti a un camino, raccontavano ai bambini. Creando un filo invisibile che univa grandi e piccoli e che ora rischia di spezzarsi perché nessuno le racconta più.

Giuseppina Deligia dialogherà con l’autore.

Ad accompagnarci nel nostro viaggio nel tempo saranno le allieve della Dance Ozieri Academy che per l'occasione si trasformeranno in delle janas aiutandoci ad immergerci più realisticamente nel racconto.

 

Stampa

MAUERFALL - Il Muro, la sua caduta e il dopo-

Berlino 9 novembre 1989- Ozieri 9 novembre – 1 dicembre 2019

 

Il 9 novembre 2019 ricorreranno i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino, che ha rappresentato un evento storico e politico che ha cambiato il volto del pianeta, gli equilibri, i rapporti, i confini ed il futuro stesso. Tanto la sua costruzione, quanto la caduta del muro sono state tra gli eventi fortemente simbolici del XX secolo. Quella data , il 9 novembre del 1989. ha decretato la fine di un’epoca ancora oggi ispiratrice, che verrà ricordata e festeggiata in tutto il mondo.

Ozieri vuole rendere omaggio a questo anniversario con la mostra fotografica “Il Muro, la sua caduta e il dopo” di K.L. Lange.

L’autore K.L.Lange, fotografo tedesco vive a Berlino e ad essa ha dedicato buona parte della sua produzione, fotografandola con costanza e progetto.

In questo progetto presenta immagini in bianco e nero, realizzate tra il 1973 e il 2000 e  mostrano il Muro che divideva la città, la sua trasformazione e l'epilogo.

La mostra, curata da Gino Puddu e realizzata con la collaborazione dell’Istituzione San Michele, sarà inaugurata sabato 9 novembre alle 18:30 nella Pinacoteca cittadina “G. Altana” alla presenza del Sindaco del Comune di Ozieri Marco Murgia e dell’Assessore alla Cultura Ilenia Satta.

Sarà possibile visitare la mostra fino al 1 dicembre dal martedì alla domenica dalle 16.00 alle 19.00, il costo del biglietto è di 2 euro. Aperture su prenotazione per le scuole.

Per info contattare l’Istituzione San Michele al numero 079 787638