www.welcometozieri.it
in evidenza Venerdì 15 novembre alle ore 18 al Teatro Civico "O. Fallaci" la Scuola Civica Sovracomunale di Musica del Monte Acuto presenta il cono degli allievi della Scuola. Ingresso libero - Fino al 1 dicembre nella Pinacoteca cittadina "G. Altana" sarà visitabile la Mostra "Mauerfall: il muro, la caduta e il dopo" - Orari invernali Grotta San Michele e chiesa Sant'Antioco di Bisarcio: dal martedì alla domenica 10.00 - 13.00 e 14.00 - 17.00
Stampa

 

Molti cognomi sardi arriverebbero dalla Tessaglia, da Creta, Tracia, Pannonia, Norico e antico Veneto. Lo sostiene Alberto Areddu, docente di materie letterarie, nel nuovo saggio «Cognomi sardi di ascendenze balcaniche» che verrà presentato giovedì 30 maggio alle 18.30 nella sala conferenze delle Biblioteca Comunale

Il saggio Cognomi sardi di ascendenze balcaniche tratta delle relazioni fra l'onomastica sarda, o meglio quella non derivabile dal latino (esclusi quindi i cognomi: Cossu, Ibba, Puddu, Porcu, Sìrigu ecc. di chiara ascendenza latina) e quella fino ad oggi inspiegabile o solitamente tralasciata negli studi (ad es. i cognomi Manai, Meledina, Satta, Usai).

Vengono pertanto setacciati più di quattrocento cognomi, nomi personali, toponimi divenuti cognomi attraverso la documentazione storica disponibile (atti, regesti, condaghe); l'analisi conduce l'autore a confermare, sull'assunto di suoi precedenti studi, l'esistenza di antiche relazioni tra il mondo egeo-balcanico e quello sardo. L'autore sostiene infatti da anni che le poche parole sopravvissute (fossili viventi) del mondo nuragico, generalmente concentrate nelle aree più conservative della Sardegna (Barbagia-Ogliastra), non dirigono la ricerca delle Origines verso il mondo iberico (come una certa pubblicistica da anni sostiene), bensì verso l'area presa in esame. Egli sostiene che le figure dei tre mitici euretai (inventori) Aristeo, Dedalo, Jolao, di provenienza balcanica, attestate nelle fonti greche a motore del nascere della civiltà in Sardegna, vadano lette al fondo come emblemi di tali moti culturali