Piazza Carlo Alberto
in evidenza Al Museo Archeologico "Alle Clarisse" il 28 luglio alle 21.00 ultimo appuntamento con la rassegna cinematografica "La magia del cinema muto" con Io...e il ciclone (1928) - Il 29 luglio dalle 09.30 alla Grotta San Michele e alle 21.00 nel piazzale del colle di Monserrato l'evento "La giornata dei nasi all'insù. il sole la lune e le stelle" - - Orari estivi: Chiesa di Sant'Antioco di Bisarco e 10.00 - 13.00; 14.30 - 19.00; Grotta San Michele 10.00 - 13.00; 15.00 - 18.00
Stampa

 

Venerdì 11 ottobre parte la rassegna letteraria “Libri di…vini”: tre appuntamenti nei quali libri e prodotti locali si incontreranno in un connubio di cultura e tradizione.

Nella calda atmosfera della Pinacoteca Cittadina “G. Altana” e del Centro Culturale San Francesco si terranno una serie di appuntamenti nei quali tre autori sardi presenteranno i loro libri, mentre alcuni produttori locali ci delizieranno con le loro specialità gastronomiche. Le serate saranno arricchite anche dalla degustazione dei vini proposti dai sommelier del Museo del Vino di Berchidda.

Il primo appuntamento sarà venerdì 11 ottobre alle 18.30 nella Pinacoteca Cittadina “G Altana” con Angelo Pani che presenterà “Su Benatzu 1968 – 2018. Il tempio ritrovato”.

Si tratta del racconto della straordinaria scoperta del tempio nuragico della grotta di Su Benatzu a Santadi rimasto integro per 3.000 anni. Il 24 giugno del 1968 tre speleologi scoprirono in modo casuale l’esistenza di un vero e proprio tesoro archeologico. Angelo Pani racconta questo ritrovamento nella sua pubblicazione, dove ha raccolto documenti inediti di archivio e fotografici, che permettono di ricostruire le vicende che ruotato intorno a questa scoperta.

Seguirà la degustazione della Greviera del Caseificio Mario Piras e del Pane Fine di Paolo Becciu, accompagnati dal Vermentino di Gallura doc.

Il 25 ottobre ore 18.30 nella sala conferenze del Centro Culturale San Francesco Isabella Mastino ritorna ad Ozieri per presentare il secondo volume dell’antologia su Grazia Deledda  “Il Viaggio “: un monologo teatrale che descrive il viaggio letterario nell'animo umano, attraverso un commento ai romanzi di Grazia Deledda dove racconta di viaggi nei quali i protagonisti affrontano speranze, illusioni, errori, desideri, sentimenti.

In questo secondo appuntamento si potranno assaporare i prodotti del Salumificio Bardana accompagnati dal pane Carasau di Malduca, in abbinamento al Cannonau di Sardegna.

La rassegna si concluderà infine venerdì 8 novembre alle 18.30 nella Pinacoteca cittadina “G. Altana” con la presentazione del libro di Alessandra Derriu “Maura, l'indovina di Orotelli. Streghe nella Sardegna del '700.”

 L’autrice attraverso un’analisi storico-giuridica di un fascicolo del Tribunale dell’Inquisizione della diocesi di Alghero, di cui all’epoca Orotelli faceva parte, ricostruisce la vicenda realmente accaduta dell’indovina Maura, una donna amata e ricercata per i suoi servigi, finché il suo potere non iniziò a spaventare il popolo che la accusò di stregoneria. Durante quest’ultimo appuntamento saranno offerti i sospiri di Peano, il Genio sardo del Dolce e la ricotta dell’azienda agricola Monzitta-Fiori accompagnata dal miele dell’Apicoltura Reina, sapientemente abbinati con il Moscato di Cagliari doc.

 

Il costo di partecipazione è di € 4,00 per appuntamento (€10,00 tutti gli appuntamenti) È gradita la prenotazione. Per info e prenotazioni tel. 079/787638.

Stampa

Sabato 3 ottobre al Teatro Civico Oriana Fallaci, una serata musicale dedicata a Isio Saba, principale artefice dello sviluppo del Jazz internazionale in Sardegna

L'Amministrazione comunale di Ozieri, in collaborazione con la Scuola Civica di Musica, l'Istituzione San Michele, l'Associazione Musicale Stardust e la Regione Sardegna, vi invita sabato 3 ottobre alla serata in ricordo di Isio Saba, uno dei più grandi protagonisti della storia del Jazz in Italia e principale artefice dello sviluppo del Jazz internazionale in Sardegna.

La serata musicale dedicata all'illustre concittadino Isio Saba, scomparso nel 2013, prevista in calendario nel mese di agosto nell'ambito della rassegna estiva "Estiamo in Piazza", che per motivi tecnici non si è potuta svolgere, è in programma per il giorno 3 Ottobre al Teatro Civico.

Protagonisti della serata saranno il Duo Umberto Fiorentino & Ramberto Ciammarughi e il Trio di Marcello Zappareddu (Alfideo Farina al basso e Alessandro Canu alla batteria).

La serata si svolgerà Sabato 3 Ottobre 2015 al Teatro Civico Oriana Fallaci alle ore 20,00, con ingresso gratuito.

Umberto Fiorentino

Musicista, compositore e didatta, ha avuto numerosi riconoscimenti dalle riviste specializzate nazionali.

Ha insegnato stabilmente presso le più prestigiose scuole di musica italiane e ha tenuto seminari in molte città italiane, fra cui, nel luglio del 1993, anche Ozieri dove si esibì, al termine di tre giorni di didattica, con Massimo Moriconi, Danilo Rea.

In veste di Leader e Sideman ha avuto collaborazioni con grandi nomi quali: Paolo Fresu, Palle Daniellson, Michael Brecker, Enrico Rava, Aldo Romano, Mike Stern, Vinnie Colaiuta, e moltissimi altri.

Ramberto Ciammarughi

Pianista e compositore di Assisi, inizia la propria attività nei primi anni '80 suonando da solo e in trio in un gran numero di jazz club italiani.

Da anni annovera numerose partecipazioni nei principali jazz festival e rassegne musicali in Italia ed all'estero quali Umbria Jazz, Ravenna Jazz. In questi anni collabora, in più occasioni, con i migliori musicisti italiani, e vanta alcune partecipazioni in concerto ed in sala d'incisione, con importanti artisti stranieri: Randy Brecker, Billy Cobham, Steve Grossman, John Clark, Dee Dee Bridgewater, Vinnie Colaiuta, Jimmie Owens ed altri.

Dal 2004 è presente nel quartetto di Miroslav Vitous insieme a B. Mintzer, A. Nussbaum, D. Gottlieb, M. Giammarco.

È compositore e arrangiatore di colonne sonore per spettacoli teatrali e installazioni di arte figurativa. Collabora con tanti personaggi rilevanti del teatro italiano.

Marcello Zappareddu

Nato ad Ozieri, dove attualmente vive, inizia a suonare la chitarra da giovanissimo. Studia chitarra classica con il maestro Roberto Masala presso il Conservatorio L.Canepa di Sassari.

La passione per il Jazz lo porta ad abbandonare la sua terra per studiare al CPM di Siena e all'UM, dove consegue il diploma in Chitarra moderna e jazz.

Partecipa a diversi master e seminari con artisti di fama internazionale.

Vanta collaborazioni con Umberto Fiorentino, Massimo Moriconi, Paolo Fresu, e molti altri.

Attualmente è il leader del Marcello Zappareddu Trio di cui fanno parte il bassista Alfideo Farina, anche egli di origini Ozieresi, e il batterista Alessandro Canu.

Nell'occasione verrà presentato il primo lavoro discografico del Trio, il cui titolo è "Dry Lands"; si tratta di un CD con soli brani originali a cui hanno partecipato grandi ospiti fra i quali gli stessi Umberto Fiorentino e Ramberto Ciammarughi ed Antonio Meloni.

 


Stampa

 

ISTITUZIONE SAN MICHELE

 

 REGOLAMENTO

 

Art.1 Concorso

L’Istituzione “San Michele”, ente strumentale del Comune di Ozieri per la gestione dei servizi turistici e culturali, indice il 1° Contest Fotografico “WOZ!: la Città Invisibile”.

 

Art. 2 Finalità

L’obiettivo principale del concorso è favorire la conoscenza di Ozieri, promuovere un dialogo interattivo con chi vive la città e, attraverso le immagini, valorizzare la cultura del territorio anche evidenziandone i contrasti. 

Le opere più significative del concorso verranno utilizzate dall’Istituzione nelle sue attività di valorizzazione, promozione e comunicazione.

 

Art.3 Tema

Attraverso le fotografie si chiede ai concorrenti di rappresentare la città di Ozieri affidando al linguaggio dell’immagine le emozioni che essa suscita.

Lo spazio di riferimento delle immagini a concorso è quello riguardante la città e il territorio di Ozieri inteso come espressione di una identità culturale collettiva, come luogo d’incontro, di dialogo, di memoria, di svago.

 

Art. 4 Requisiti di partecipazione

 Il concorso è gratuito.

 La partecipazione è aperta a tutti i cittadini residenti e non, studenti, associazioni, scuole, fotografi professionisti e amatoriali senza limiti di età.

E’ possibile partecipare sia come singoli che come gruppo.

E’ esclusa la partecipazione ai membri del C.d.A., ai dipendenti dell’Istituzione San Michele, ai loro familiari e  a chiunque abbia un ruolo nel concorso.

I partecipanti dovranno dichiarare il pieno possesso dei diritti sulle immagini inviate nonché acconsentire all’uso gratuito delle stesse da parte dell’Istituzione “San Michele” per attività di comunicazione, divulgazione e promozione.

 

Art.5 Modalità di partecipazione

L’iscrizione al concorso deve essere fatta compilando in ogni sua parte  il modulo di partecipazione allegato al presente bando.

Ogni autore potrà partecipare con massimo n. 2 fotografie.

Le fotografie dovranno essere presentate su un supporto di archiviazione portatile (Cd Rom o DVD) e dovranno essere esclusivamente in formato  JPEG (.jpg) non compresso profilo colore RGB. Il peso massimo consentito per ciascuna immagine è di 20 MB.

Ogni partecipante dovrà inviare un solo supporto di archiviazione per le foto con cui partecipa al concorso  e ogni file dovrà essere nominato con il titolo dell’opera e dell’autore.

Le foto possono essere a colori o in bianco e nero.

Sono ammesse immagini realizzate  con fotocamere digitali o digitalizzazioni di fotografie realizzate in modalità analogica (negativa o diapositiva).

Non sono ammessi fotomontaggi, doppie esposizioni, immagini composte
di alcun genere o, fotografie modificate digitalmente salvo adeguamenti di colore, contrasto, luminosità, nitidezza.

Non verranno accettate fotografie con logo, firma, watermark e segni riconoscibili di qualsiasi genere.

Qualora, nelle fotografie inviate risultino soggetti riconoscibili, l’autore dovrà presentare insieme  al Cd rom/ DVD la liberatoria allegata al bando pena l’esclusione dal concorso.

Ogni partecipante

-       è responsabile delle opere presentate,

-       garantisce di essere unico ed esclusivo autore delle immagini inviate,

-       garantisce che le immagini non ledono il diritto di terzi.

Le fotografie devono essere inedite, scattate da non più di due anni al  2015 e non devono avere partecipato ad altri concorsi fotografici.

 

Art.6 Modalità di adesione

Le domande di iscrizione al concorso e le fotografie su supporti di archiviazione (Cd rom e DVD) dovranno essere presentate entro  il 16 ottobre 2015.

Le opere giunte fuori tempo massimo non saranno ammesse.

Il plico chiuso contrassegnato dalla frase “1° CONTEST FOTOGRAFICO - “WOZ!: la Città Invisibile”  dovrà essere inviato via posta (farà fede il timbro postale) o a mano al seguente indirizzo: Istituzione “San Michele” piazza San Francesco 4, 07014 Ozieri (SS).

I partecipanti dovranno compilare la domanda di partecipazione in tutte le sue parti e firmarla, non saranno accettate domande prive di firma.

Le spese di spedizione sono a carico dei partecipanti e l’organizzazione non è responsabile di danni o perdita di materiali nell’invio mezzo posta.

 

Art.7 Giuria e criteri di valutazione

La giuria è composta da  5  (cinque) membri: il Presidente e il Direttore dell’Istituzione “San Michele” e  tre esperti del settore comunicazione e arti visive i cui nominativi saranno pubblicati sul sito www.welcometozieri.it.

La giuria valuterà la capacità di interpretazione del tema, l’originalità, la creatività, la qualità della fotografia  e il contenuto artistico delle immagini presentate.

Il parere della giuria sarà insindacabile.

 

Art.8 Cause di esclusione

Non sono ammesse al concorso:

-        le fotografie giunte oltre il termine indicato.

-        le fotografie prive della scheda di partecipazione compilata e firmata.

-        le fotografie che non risultino pertinenti al tema indicato dal bando.

-        le fotografie che ritraggono persone riconoscibili prive di liberatoria alla ripresa e alla pubblicazione firmata dai soggetti fotografati.

-        le fotografie contrarie alla comune decenza.

 

Art.9 Selezione e premi

La giuria designerà le 3 foto migliori indicando il primo, secondo e terzo classificato.

I vincitori, i cui nominativi saranno pubblicati sul sito internet dell’Istituzione, saranno contattati telefonicamente o via e-mail all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione.

Il primo classificato riceverà una targa ricordo e un abbonamento annuale ad una rivista di fotografia.

Al secondo e terzo classificato verrà consegnata una targa ricordo.

Le spese di viaggio, vitto e quanto utile per poter fruire del premio saranno a carico
dei vincitori.

Le fotografie selezionate dalla giuria  verranno esposte in una mostra prevista nel corso del 2015 che si terrà presso la Pinacoteca Cittadina “Giuseppe Altana”, saranno pubblicate sul sito www.welcometozieri.it e verranno utilizzate per eventuali altri progetti di comunicazione e promozione  della nostra Città che l’Istituzione si riserva di intraprendere.

 

 Art.10 Disposizioni finali

La partecipazione al concorso implica l’accettazione del presente regolamento e l’insindacabilità delle decisioni della giuria.

I concorrenti autorizzano l’Istituzione “San Michele” a pubblicare il materiale inviato e a renderlo fruibile al pubblico anche in riproduzione parziale ed elaborata.

La cessione del diritto d’uso e di riproduzione è a titolo gratuito e senza avere nulla a pretendere per la produzione di materiali cartacei e digitali, video, mostre etc.

I materiali e le opere inviate non saranno restituite ed entreranno a far parte dell’archivio dell’Istituzione “San Michele”.

Le opere presentate potranno essere utilizzate per la realizzazione di materiale promozionale, per attività di comunicazione e per iniziative culturali.

Verrà citato, quando è possibile, il nome dell’autore ogni qualvolta una sua opera verrà utilizzata con le modalità su indicate.

L’Istituzione “San Michele” si riserva il diritto modificare e/o abolire in ogni momento la manifestazione. 

 

Art.11 Privacy

I dati personali rilasciati dai concorrenti sono trattati nel rispetto di quanto previsto dal D.lgs. n. 196/03 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e della normativa vigente in tema di privacy.

Ai sensi dell’art.11 del D.lgs. n. 196/03 si informa che i dati personali forniti e raccolti nonché le fotografie consegnate saranno utilizzate in funzione e per i fini previsti dal presente regolamento e potranno essere divulgati nelle iniziative inerenti il concorso.

Il partecipante dichiara di essere informato, ai sensi dell’art. 13 del  D.lgs. n. 196/03 della comunicazione e diffusione dei dati personali  forniti e raccolti (comprese le fotografie) per i fini sopra indicati, sottoscrivendo la domanda di partecipazione.

 

CONTATTI:

Istituzione San Michele, Piazza San Francesco,07014 Ozieri ss Tel 079/787638

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stampa

 

DOMENICA 20 MAGGIO

Chiesa di San Francesco, Ore 20

Concerto della chitarrista classica Renata Arlotti

E' con grande onore che apriamo il progetto Sonos per Remembering Isio con un talento non più solo emergente ma indiscutibilmente affermato nel panorama concertistico internazionale, Renata Arlotti.

Un appuntamento importante, nel quale la talentuosa chitarrista presenterà il suo primo CD intitolato “Suites e Omaggi”, omaggio al compositore Mario Castelnuovo-Tedesco.

 

"REMEMBERING ISIO"

 

“Remebering Isio”, in ricordo di Isio Saba, è rivolto a colui che senza ombra di dubbio è stato il principale artefice dello sviluppo del jazz nella nostra isola.

Non solo per ricordare la sua figura, ma anche per cercare di non perdere il grande patrimonio che ha lasciato, a partire da quello fotografico, l’amministrazione comunale di Ozieri intende riprendere quel filo interrotto troppo presto ma mai perduto nelle nostre memorie e nelle numerose testimonianze non solo musicali legate alla sua vita.

Isio si potrebbe definire adesso un fine intellettuale, un uomo con numerosi interessi animato da passioni viscerali per la ricerca introspettiva ma con un occhio sempre aperto alla sperimentazione e alle infinite forme di espressione dell’arte.

 

SONOS E SINNOS

Attraverso la musica Isio cercava la sua identità, sviluppando la creatività di operatore culturale, di menestrello, come lui si definiva, sempre in giro per il mondo a cercare melodie sconosciute ma che gli ricordavano quelle dentro le quali era cresciuto. Isio ripeteva come la musica fosse l’elemento comunitario per eccellenza del popolo sardo, radicata nel tessuto sociale, ed ancora una maniera per trovare se stessi, esprimere e creare.

I suoni, SONOS, come linguaggio universale e SINNOS, tracce della memoria come alfabeto delle origini da cui ripartiva ogni volta per costruire nuovi progetti, sono gli elementi che vogliamo aggiungere all’evento jazzistico, con l’intento di raccontare Isio attraverso le sue esperienze nel mondo della ricerca emozionale.

SONOS sarà dunque quella vibrazione armonica che ci accompagnerà tutto l’anno verso l’evento autunnale legato al Jazz, un viaggio dentro la musica, senza confini di tempo, luogo o genere.

SINNOSsarà ogni forma d’arte che umilmente vorremo utilizzare per raccontare Isio e per immaginare ancheoggi, con i suoi occhi, quello che di positivo e grandioso si genera quando si racconta la nostra vita attraverso le molteplici forme d’arte e attraverso lo studio dei particolari della ricerca etnografica, così cara ad Isio.

Abbiamo nei suoi confronti un debito di riconoscenza e da questo siamo partiti per ricostruire, col prezioso aiuto dei familiari, la sua figura e le sue tante passioni che, insieme, lo rendevano unico nel panorama culturale italiano.

Come ha ricordato Massimo Palmas, direttore artistico di Jazz in Sardegna, "Isio è stato un creativo, il vero personaggio chiave per lo sviluppo della musica in Sardegna. Grazie a lui la musica afroamericana è approdata qui contribuendo a fondare i festival jazz internazionali, e noi in misura e circostanze diverse abbiamo con lui un debito di paternità".

Jazz e mescolanze musicali, ma anche la creazione di un contesto culturale stabile di confronto in cui cercare il terreno per progetti nuovi risultato della commistione tra artisti delle più varie estrazioni, una linea di tendenza tracciata da Isio sin dalla fine degli anni ’70, questo è lo spirito che anima questo progetto

 

SONOS 2018

Concerto della chitarrista classica Renata Arlotti

E con grande onore che apriamo il progetto Sonos per Remembering Isio con un talento non più solo emergente ma indiscutibilmente affermato nel pano-rama concertistico internazionale, Renata Arlotti.

Un appuntamento importante, nel quale la talentuosa chitarrista presenterà il suo primo CD intitolato “Suites e Omaggi”, omaggio al compositore Mario Castelnuovo-Tedesco.

Terminato un ciclo di spettacoli nel Regno Unito e dopo una recente esibizione in Iran con orchestra avremo l’immenso piacere di ascoltare il suo concerto ad Ozieri, in un luogo simbolo e carico di suggestioni come la chiesa di San Francesco, situata in quella piazza nella quale Isio organizzò diversi memorabili concerti.

Da questo luogo inizierà il progetto Sinnos per Remembering Isio.

 

BIOGRAFIA

Giovanissima, Renata Arlotti inizia lo studio della chitarra clas-sica nella sua città, Sassari, per poi proseguire a Milano sotto la guida del celebre concertista Lorenzo Micheli. Durante la sua forma-zione ha frequentato I corsi di alcuni dei più importanti Maestri a livello nazionale ed internazionale: Alirio Diaz, Alberto Ponce, Matteo Mela, Massimo Lonardi, Fredéric Zigante, Oscar Ghiglia, e Adria-no Del Sal.

Dopo la maturità classica, Renata prosegue gli studi musicali ulti-mando il Triennio Accademico di I livello col massimo dei voti e la lode, nella classe dello stesso Maestro Micheli, presso il Conservatoire de la Vallée d'Aoste. Nel 2012, come riconoscimento del suo alto livello di preparazione, le viene assegnata una borsa di studio dalla Fondazione Istituto Musicale come miglior diplomata del suo anno, grazie alla quale debutta come solista accompagnata dall’orchestra.

Nel 2013 si perfeziona con il Master Of Arts in Music Perfor-mance, conseguito presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, nella classe di Lorenzo Micheli. Pochi mesi dopo Renata viene ammessa alla prestigiosa Royal Academy of Music di Londra e sarà tra quei pochi candidati che ricevono l’offerta di un posto nello stesso giorno delle audizioni.

Contemporaneamente a questi molteplici impegni, dal 2012 al 2016, Renata Arlotti frequenta i corsi dell’Accademia Musicale Chigiana con Oscar Ghiglia, ricevendo sempre il Diploma di Merito destinato ai migliori allievi e l’invito a frequentare i corsi per un ulteriore anno oltre al massimo di quattro concessi ad ogni studente.

Alla sua formazione Renata ha sempre affiancato un’intensa atti-vità concertistica. Ha infatti suonato in Italia e all’estero: in Irlanda, Svizzera, Spagna, Inghilterra, Iran come solista e in ensembles per alcune delle più importanti Istituzioni e Festival Europei come la Royal Academy of Music di Londra, il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, per l’Ente Musicale di Ozieri e la stagione concertistica de i “Concerti di Sala Siglienti” in Sardegna; in Pie-monte e Valle d'Aosta col violoncellista Umberto Clerici; per un “Un paese a Seicorde” ad Orta e “Orchestra Taras” a Taranto, in Irlanda con il Diversus Guitar Ensemble, in un tour che l’ha portata a suonare nei teatri e nelle sale da concerto di tutto il paese; per il “West Sussex Guitar Club” e in duo con Lorenzo Micheli, accompagnati dall’orchestra d’archi “Atelier d’Archi” dell’Istituto Musicale Pareggiato e diretto dal Maestro Clerici .

Recentemente è stata invitata dall’Istituto di Cultura Italiana a suonare a Los Angeles dove Castelnuovo Tedesco, di cui ricorre quest'anno il Cinquantenario della scomparsa (1968), si stabilì dopo l’esilio

Pagina 38 di 47

center>