Le grandi donne sarde
in evidenza Al Museo Archeologico "Alle Clarisse" il 28 luglio alle 21.00 ultimo appuntamento con la rassegna cinematografica "La magia del cinema muto" con Io...e il ciclone (1928) - Il 29 luglio dalle 09.30 alla Grotta San Michele e alle 21.00 nel piazzale del colle di Monserrato l'evento "La giornata dei nasi all'insù. il sole la lune e le stelle" - - Orari estivi: Chiesa di Sant'Antioco di Bisarco e 10.00 - 13.00; 14.30 - 19.00; Grotta San Michele 10.00 - 13.00; 15.00 - 18.00

LE GRANDI DONNE SARDE

Conferenza esperienziale

26 marzo 2022- ore 17:30

Civico Museo Archeologico “Alle Clarisse” - Ozieri

 

L’Istituzione San Michele e l’Assessorato alla Cultura e alle Pari opportunità del Comune di Ozieri nell’ambito dell’edizione del 2022 della rassegna Marzo delle Donne, presentano una conferenza esperienziale “Le grandi donne sarde” tra storia, arte e meditazione con la studiosa Cristina Muntoni per conoscere gesta, curiosità e segreti delle donne sarde del passato e coglierne gli insegnamenti per migliorare la nostra vita individuale e sociale.

Questo tema è stato scelto in linea con l’obiettivo 5 dell’Agenda 2030 di raggiungere l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione di tutte le donne che ancora oggi, nonostante grandi progressi, non lo hanno raggiunto. L’incontro sarà l’occasione per restituire luce alle donne straordinarie dell’isola che sono state dimenticate proprio perché donne e stimolare, attraverso il loro esempio, un cambiamento, la crescita dell’autostima e la capacità di costruire la propria esistenza.  

Questo sarà l’approccio dell’evento che si terrà al Civico Museo Archeologico “Alle Clarisse” ad Ozieri il 26 marzo alle 17:30 in occasione dell’incontro in cui teoria e pratica si fonderanno, coinvolgendo i/le partecipanti in un viaggio emozionale che attraverso un approccio multidisciplinare permetterà loro di immergersi nella narrazione diventandone parte attiva attraverso i sensi e portandosi a casa una nuova consapevolezza.

La cagliaritana Cristina Muntoni è autrice e docente di storia di sacralità femminile alla Scuola triennale di Arteterapia di Assisi, referente per la Sardegna di Stati Generali delle Donne, ambasciatrice della destinazione del Principato di Monaco, nonché autrice di numerosi articoli e libri in tema culturale, storico e sociale e di pubblicazioni sulla storia delle donne, dopo aver esercitato come avvocata per 15 anni, si occupa di formazione e divulgazione di strumenti di crescita personale ed evoluzione sociale ricavati dalla sua ricerca storica ed etnoantropologica. Lo fa attraverso pubblicazioni, laboratori di scrittura rituale e conferenze esperienziali. Assieme all’avvocata Annamaria Busia ha fondato la rete Heminas con 14.400  iscritte/i su Facebook e fa parte di un progetto per il recupero delle donne carcerate nell’Istituto Penitenziario di Uta, del progetto multidisciplinare Preistoria in Italia fondato da Luciana Percovich per la continuazione e la divulgazione del lavoro di ricerca dell’archeologa Marija Gimbutas e del Centro Studi Identità e Memoria Cesim Sardegna che lavora per il riconoscimento delle Domus de Janas come patrimonio dell’umanità UNESCO. È un’attivista sociale per la promozione dei diritti delle donne, di una cultura e una società più pacifica e sostenibile guardando agli esempi del passato per costruire un futuro di pace e armonia tra maschile e femminile.

Durante la serata  Cristina Muntoni presenterà figure femminili sarde poco conosciute come la regina cagliaritana Maria Cristina di Savoia (che creò una sorta di città-Stato dove le donne avevano gli stessi diritti degli uomini), Francesca Sanna Sulis (che in pieno ‘700 creò un’impresa creando indipendenza femminile), Ninetta Bartoli (prima sindaca d’Italia), Violante Carroz (ultima erede della famiglia Carroz, detta la sanguinaria), Paola Satta (prima laureata in medicina in Sardegna), Nereide Rudas (ha fondato e diretto per molti anni la Clinica Psichiatrica dell'Università degli Studi di Cagliari) Adelasia Cocco (prima donna medico condotto in Sardegna) e Carmen Melis (soprano di fama internazionale), ma anche famose come Maria Lai, Maria Carta ed Eleonora d’Arborea raccontandone una versione inedita. Tutte queste narrazioni avranno la finalità di ricavare elementi non solo di conoscenza storica, ma anche di crescita personale perché saranno sottolineati elementi di cui queste donne sono state portatrici come esempi da imitare. Questi valori saranno oggetto di una meditazione finale volta a integrare interiormente i valori che ognuna delle donne raccontate ci lascia in eredità.

Ad accompagnarla nella narrazione saranno le performance teatrali dell’Associazione Culturale Inoghe e la voce di Sara Ledda.

InOghe nasce ad Ozieri nel 2017 grazie ad alcuni appassionati accomunati dalla passione per il  teatro, la musica e lo spettacolo, sensibili all’arte a alla cultura. In questi anni, nonostante le difficoltà causate dall'emergenza sanitaria, ha investito sul territorio, attraverso un lavoro collettivo e intergenerazionale per promuovere in maniera creativa il valore della tradizione e dell’immaginario comune alla ricerca costante di  linguaggi e contenuti innovativi. Le molteplici attività realizzate hanno coinvolto l’intera cittadinanza e offerto stimoli e ed opportunità anche agli adolescenti, incoraggiandoli e motivandoli a coltivare l’arte e la cultura, indispensabili per una creare una società migliore.

Alle/ai i partecipanti sarà offerto un the accompagnato da dolci tipici.

L’incontro è aperto a uomini e donne. Il contributo di partecipazione è € 5,00, i posti sono limitati ed è gradita la prenotazione al numero 0797851052.

Si ringrazia per la collaborazione la Proloco di Ozieri.

center>