Pinacoteca Cittadina "Giuseppe Altana"
in evidenza Giovedì 11 luglio alle 21.00 lo spettacolo "Storie di Giorni dispari" di e con Paolo Rossi è stato spostato al chiostro del centro culturale San Francesco, prevendite presso la Biblioteca Comunale - Sabato 13 luglio in piazza Carlo Alberto l'Ass. Beata Vergine del Rimedio organizza la 2° ed de "La sagra della cipolla" con la gara canora "Ozieri In..Canto" - Giovedì 18 luglio alle 18.30 nelle antiche carceri Borgia Vindice Lecis presente il suo nuovo libro "Il Visitatrore", preceduta dalla visita alla Fontana Grixoni e alle carceri Borgia - Venerdì 19 luglio alle 18.00 nel piazzale del Museo Archeologico Alle Clarisse appuntamento con "A cenma con la Storia...nuragica": visita teatralizzata, esposizioni e cena con piettanze ispirate all'età del bronzo - Nuovi orari Grotta San Michele: dal martedì alla domenica 10.00 - 13.00 e 15.00 - 18.00; chiesa Sant'Antioco di Bisarcio: dal martedì alla domenica 10.00 - 13.00 e 14.30 - 19.00


Il 20 dicembre è stata inaugurata la pinacoteca cittadina “Giuseppe Altana” nei locali della ex Centrale Elettrica, a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Ozieri e dell’Istituzione “San Michele” con l’esposizione di una selezione di circa 70 opere dell’imponente collezione d’arte del Comune.

Si tratta di un nucleo di opere pittoriche e scultoree selezionate ed allestite da Mario Lai e Michele Calaresu, appassionati cultori d’arte locali.

Molte di queste opere sono il frutto di diverse donazioni effettuate negli ultimi anni da persone legate affettivamente a Ozieri, tra cui ricordiamo le famiglie Marras, Tinu e Cocco.

L’allestimento tiene conto dell’esigenza di valorizzare al meglio i più importanti pittori ozieresi; pertanto i visitatori potranno ammirare la “Sala Giuseppe Altana”, le “Sale Pietro Tinu”, le “Sale prof. Vincenzo Marras” e le sale di arte contemporanea.

Tra le opere esposte si segnalano quelle di artisti noti a livello internazionale, come Battaglia, Ceccobelli, Cotani, Di Stasio, Galliani, Panzino, Passa, Pinelli, Pizzi Cannella, Ricci, Tacchi e Lai, e di importanti esponenti dell’arte otto - novecentesca sarda, toscana e umbra (come Somelli, Mazzaccherini, Valori ed altri).

Oltre a conservare un’importante collezione di opere d’arte e costituire un importante spazio espositivo che ha ospitato e ospiterà mostre temporanee, la ex centrale elettrica, recentemente restaurata, rappresenta uno dei più importanti esempi di archeologia industriale della Sardegna.

L’edificio ha ospitato la prima centrale elettrica operante in Sardegna, in seguito adibita a pastificio.

Al suo interno conserva alcuni macchinari che testimoniano la sua storia.

IL CATALOGO

Di recente pubblicazione il Catalogo della Pinacoteca, curato dall'architetto Michele Calaresu e Mario Lai: strumento essenziale per orientarsi tra artisti e movimenti artistici non sempre conosciuti; l'obbiettivo della pubblicazione è quello di far viaggiare il visitatore sia nello spazio che nel tempo, offre, inoltre, la possibilità, di poter comprendere e apprezzare le principali correnti artistiche dell'Italia post – unitaria.

Il catalogo può essere acquistato presso tutti i siti gestiti dall'Istituzione o prenotato inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

prezzo: € 20,00

GALLERIA FOTOGRAFICA

 Informazioni:

 Ex Centrale Elettrica – via De Gasperi – Ozieri

apertura su prenotazione

Biglietti:

intero € 3.00

ridotto € 2,00

Per info e prenotazioni 079 787638

Mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.