S.Antioco di Bisarcio
in evidenza Venerdì 23 febbraio al Museo Archeologico "Alle Clarisse" sarà inaugurata la mostra "Nuragici: un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo": alle 15.30 conferenza di presentazione nella sala conferenze della Caritas Diocesana in via Azuni - Le opere del Contest "INNAMORATI dell'Arte" rimarranno esposte fino al 25 febbraio nella pinacoteca Cittadina "G. Altana", aperta dalle 16 alle 19 - Sabato 24 febbraio alle 21 al Teatro Civico rappresentazione teatrale della Compagnia Teatro Sassari "Quando il Marito va a Caccia" - Alle 21 di domenica 25 febbraio al Teatro "O. Fallaci" per la rassegna CEDAC il balletto "Odyssey Ballet" - Nuovi orari: Chiesa di Sant'Antioco di Bisarcio 10.00 - 13.00; 14.00 - 18.00; Grotta San Michele 10.00 - 13.00 - 14.00 -17.00
Stampa

La Basilica romanica di Sant’Antioco rappresenta uno dei massimi capolavori dell’architettura medioevale in Sardegna. Sede vescovile dell’antica diocesi di Bisarcio, l’edificio sorge isolato nel territorio di Ozieri e con la sua imponente mole domina la pianura circostante.

Il villaggio medioevale di Guisarchum, abbandonato nel corso del tempo, ha dato il nome alla chiesa che era parte di un complesso architettonico articolato comprendente il palazzo vescovile e la canonica, oggi ridotti a rudere.

Citata tra il 1065 e il1082 inalcuni atti di compravendita, la prima cattedrale venne distrutta da un incendio intorno al 1090.

La ricostruzione della chiesa, si deve all’opera di maestranze toscane e francesi. La consacrazione della nuova cattedrale avvenne nel 1164, come sembra testimoniare un’epigrafe, presente nella zona absidale. Nel 1503 la diocesi di Bisarcio, unita a quelle di Castro e di Ottana, fu trasferita ad Alghero; fu ricostituita nel 1803 con sede ad Ozieri.

L'Architettura

Il Santo

La rivista

Galleria Fotografica