Carceri Borgia
in evidenza Giovedì 14 giugno alle 18.00 nella sala conferenze del Centro Culturale San Francesco Paola Gala presenta il suo libro"Sardegna, la mia isola i miei ricordi" - Sempre nella sala di San Francesco alle 18.00 Venerdì 15 presentazione del libro curato da Diego Satta "Tra il galles e la Sardegna. storia della famiglia Piercy" - Venerdì 15 alle 17,30 nella sala Consiliare del Comune di Ozieri la Consigliera comunale Maria Vittoria Pericu presenterà il progetto DiscoveEU - Da giovedì 14 giugno fino al 10 luglio al Museo Archeologico Alle Clarisse si svolgerà il laboratorio estivo ScarabocchiArte, rivolto ai bambini dai 6 ai 10 anni - E' stato pubblicato l'avviso pubblico per l’assunzione a tempo determinato – full time di un addetto alle pulizie presso l’Istituzione San Michele, le domande potranno essere presentate dal 21 al 29 giugno 2018 - PROROGATA: Al Museo Archeologico "Alle Clarisse" la mostra "Nuragici: un Territorio, un'Isola, il Mediterraneo" sarà visitabile fino al 13 giugno negli orari di apertura del Museo - :


 

 

Appartenute al Castello di Corte, inglobato nel 1600 nel Palazzo Borgia, le carceri furono completate nel 1769.

Gli ambienti sono formati dalla cella di rigore, la cella femminile e le celle maschili. Un angusto cortile porta alla cella di isolamento e ad un cortile.

Sono visibili piccole aperture sulle pareti per la somministrazione del cibo ai detenuti. Ben conservati gli infissi originari rinforzati in metallo con bande chiodate, le pavimentazioni a lastroni di pietra, i tavolacci su cui dormire e le finestre con triplice inferriata.

Fino al XVII sec. venivano eseguite le condanne a morte. Il registro dei defunti della parrocchia di Santa Maria (oggi Cattedrale) riporta che per il solo anno 1638 ben 16 prigionieri furono giustiziati per mano del boia.