Fontana Grixoni
in evidenza Venerdì 22 novembre a Palazzo Costi prendono il via le celebrazioni per il rinnovo del patto di gemellaggio con Fiorano Modenese e Maranello: alle 16.30 convegno "L’Italia delle origini (VI IV millennio a.C.): le culture di Fiorano e Ozieri"; alle 18.00 inaugurazione mostre "Migrantes per l'Europa" e "Maranello, Ferrari e la sua gente" visitabili fino al 30 novembre- Sabato 23 novembre alle 16.30 al Museo Archeologico "Alle Clarisse" cermonia di rinnovo del patto di gemellaggio - Sabato 23 novembre alle 17.00 nella Pinacoteca Cittadina "G. Altana" Tonino Oppes presenta il suo libro "Il ballo delle Janas" con l'esibizione delle allieve della palestra DanceOzieri Academy - Mercoledì 27 novembre nella sala ragazzi della Biblioteca Comunale Daniela Mele incontra i bambini per presentare il suo libro "Le avventure della scopa saggina" con laboratorio per la creazione di una scopa saggina - Fino al 1 dicembre nella Pinacoteca cittadina "G. Altana" sarà visitabile la Mostra "Mauerfall: il muro, la caduta e il dopo" - Orari invernali Grotta San Michele e chiesa Sant'Antioco di Bisarcio: dal martedì alla domenica 10.00 - 13.00 e 14.00 - 17.00

Fontana Grixoni

Con una quinta scenografia eretta nel 1881 per munificenza di Don Giuseppe Grixoni, su progetto del Pietrasanta, si chiuse anteriormente la fonte realizzata nel 1594 ad opera del Governatore spagnolo Don Giovanni di Castelvì, che fece incanalare le acque della sorgente di Minte Lizu.

La fontana in marmo bianco, conserva gli stemmi originali del Castelvì e dei Centelles de Oliva, feudatari del Monte Acuto, insieme alla lapide che ricorda la prima realizzazione.

Sono visitabili i sotterranei dell’antica fontana.