www.welcometozieri.it
in evidenza Giovedì 11 luglio alle 21.00 lo spettacolo "Storie di Giorni dispari" di e con Paolo Rossi è stato spostato al chiostro del centro culturale San Francesco, prevendite presso la Biblioteca Comunale - Sabato 13 luglio in piazza Carlo Alberto l'Ass. Beata Vergine del Rimedio organizza la 2° ed de "La sagra della cipolla" con la gara canora "Ozieri In..Canto" - Giovedì 18 luglio alle 18.30 nelle antiche carceri Borgia Vindice Lecis presente il suo nuovo libro "Il Visitatrore", preceduta dalla visita alla Fontana Grixoni e alle carceri Borgia - Venerdì 19 luglio alle 18.00 nel piazzale del Museo Archeologico Alle Clarisse appuntamento con "A cenma con la Storia...nuragica": visita teatralizzata, esposizioni e cena con piettanze ispirate all'età del bronzo - Nuovi orari Grotta San Michele: dal martedì alla domenica 10.00 - 13.00 e 15.00 - 18.00; chiesa Sant'Antioco di Bisarcio: dal martedì alla domenica 10.00 - 13.00 e 14.30 - 19.00
Stampa

 

Incontro con l’Autrice

Isabella Mastino

Presenta

“Ma io non vedevo quella luna”

Breve antologia di Grazia Deledda

Proseguono gli appuntamenti don Il Marzo delle Donne, con due figure femminili: Isabella Mastino presenta il suo libro su Grazia Deledda “Ma io non vedevo quella luna” venerdì, 29 marzo 2019, alle h 18:30 nella Pinacoteca Cittadina “G. Altana.

L’autrice, studiosa e appassionata delle opere del Premio Nobel, racconta il suo lavoro attraverso una pièce teatrale, durante la quale si intraprende un viaggio fra le pagine e le storie narrate nei romanzi di Grazia Deledda, che, attraverso le vicende, i pensieri, le passioni, i tormenti, i conflitti dei personaggi, porta ad esplorare gli aspetti più oscuri e profondi dell’animo umano, che trovano nella selvaggia, antica, indomita natura sarda, emblema della vera e primordiale natura dell’uomo, il loro specchio più intenso.

Un viaggio attraverso sette capitoli, in ciascuno dei quali è riassunto e commentato un romanzo, e cinque temi, la giustizia, la speranza, l’amore nelle sue sfaccettature, la volontà e l’esser madri, padri e figli, nei quali il lettore può ritrovare parte di se stesso, sotto la luce sempre presente e spesso impercettibile della luna, che, per Grazia Deledda è la pupilla d’oro nel cielo azzurro che pare l’occhio stesso di Dio.