La Città
in evidenza Orari apertura invernali Chiesa romanica di Sant'Antioco di Bisarcio e Grotta San Michele: 10.00 - 16.00; Museo Archeologico "Alle Clarisse": martedì e giovedi 08.00- 14.00, mercoledì e venerdì 08.00 - 14.00; 14.30 - 18.00; sabato 08.00 - 14.00; 15.00 - 19.00 e domenica 09.00 - 13.00; 15.00 - 19.00
Stampa

 

Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo

F@Mu 2022 | Diversi ma Uguali

Ozieri - Museo Archeologico “Alle Clarisse”

Domenica 9 ottobre 2022

Domenica 9 ottobre al Museo Archeologico “Alle Clarisse” ritorna F@Mu, la “Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo”.

Vista la grande partecipazione ed entusiasmo degli anni precedenti l’Istituzione San Michele e l’Assessorato alla Cultura hanno rinnovato l’adesione anche per il 2022 con un evento al Museo Archeologico “Alle Clarisse”.

 “Diversi ma Uguali” è il titolo di questa edizione: è partendo dal presupposto che la valorizzazione della diversità (culturale, fisica, cognitiva) sia strumento indispensabile di inclusione sociale che il F@Mu 2022 parlerà ai bambini di inclusione, unicità e accoglienza, per riflettere anche l’accessibilità museale.

Per trasmettere i valori di questa edizione testimonial dell’evento è Geronimo Stilton, il famoso topo giornalista amato dai bambini di tutto il mondo, nato da un'idea di Elisabetta Dam.

Al Museo Archeologico “Alle Clarisse” sarà possibile partecipare ad una serie di laboratori ludico-didattici preceduti da una presentazione video, pensati per accogliere i ragazzi e le loro famiglie seguendo il tema di questa edizione. Sarà l’occasione per riflettere sui concetti di diversità, la loro comprensione e accettazione, con giochi volti a favorire conoscenza, inclusione e abbattimento dei pregiudizi.

L’evento ha una durata di circa due ore e si potrà prenotare un turno a scelta tra quello del mattino con inizio alle 10.30 e quello pomeridiano della 15,30. L’iniziativa è rivolta ai bambini e ragazzi dai 4 ai 12 anni con un costo di partecipazione di € 3,00.

La prenotazione è obbligatoria. Per info e prenotazioni 079 7851052

La Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo F@Mu è l’evento culturale dedicato ai bambini più importante in Italia per promuovere e facilitare l’incontro tra le Famiglie e i luoghi espositivi del nostro Paese. È nata con l’obiettivo di formare i bambini quali nuovi fruitori culturali e rendere i Musei e le loro proposte sempre più “family friendly” attraverso percorsi laboratoriali appositamente ideati che vedono la collaborazione di grandi e piccini.

Stampa

 

Le Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days) costituiscono il più partecipato degli eventi culturali in Europa, promosso dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea. Lo scopo della manifestazione è far apprezzare e conoscere a tutti i cittadini il patrimonio culturale condiviso e incoraggiare la partecipazione attiva per la sua salvaguardia e trasmissione alle nuove generazioni.

In Italia, com’è ormai tradizione, ogni anno aderiscono all’iniziativa moltissimi luoghi della cultura, tra musei, gallerie, aree e parchi archeologici, complessi monumentali, biblioteche e archivi, costruendo un’offerta culturale estremamente variegata, basata su un tema di riflessione comune, ogni anno diverso, e con un calendario che supera i mille eventi su tutto il territorio nazionale.

Si compone così uno straordinario racconto corale, che rende bene l’idea della ricchezza e della dimensione “diffusa” del Patrimonio culturale nazionale: da quello più noto dei grandi musei alle meno conosciute eccellenze che quasi ogni città può vantare e deve valorizzare.

Un’occasione, inoltre, per far conoscere i progetti elaborati dai singoli istituti e per continuare a rafforzarne lo stretto legame con i rispettivi territori e con le loro identità culturali.

Il Civico Museo Archeologico Alle Clarisse partecipa quest’anno con la presentazione della mostra “Bisarcio – Una comunità medievale all’ombra del vescovo”, che sarà introdotta dalle danze del gruppo di rievocazione storica di Ardara. La mostra espone con delle immagini le attività di ricerca nell’importante sito di Bisarcio, in Comune di Ozieri, che si sono svolte negli anni 2012-2019 grazie alla collaborazione tra l’Università di Sassari (Cattedre di Archeologia Medievale e Postmedievale e di Metodologie della Ricerca Archeologica - Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione), l’Amministrazione Comunale di Ozieri e la Soprintendenza Archeologica di Sassari e Nuoro.  Il Direttore scientifico dello scavo è il Prof. Marco Milanese, Ordinario di Archeologia e Direttore del Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione dell’Università di Sassari. Lo scavo è stato sostenuto grazie al finanziamento triennale del progetto Bisarcio Project effettuato dalla Fondazione di Sardegna.

L’apertura della mostra e l’esibizione del gruppo di rievocazione storica si svolgeranno sabato 26 settembre. Si ricorda che l’evento è su prenotazione pertanto è necessario prenotare al numero 079/7851052.

Per le due giornate (26-27 settembre) il costo per la visita al Museo sarà eccezionalmente ridotto a 1 euro.

 

Il Direttore del Civico Museo Archeologico “Alle Clarisse”

Dott. Giovanni Frau

Stampa

 

L’Istituzione “San Michele” e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Ozieri hanno aderito alle Giornate Europee del Patrimonio, la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa, che si terrà sabato 24 e domenica 25 settembre 2022.

Il tema di questa edizione è “Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro” e gli operatori dell’Istituzione San Michele hanno organizzato nelle due giornate degli eventi speciali al Museo Archeologico “Alle Clarisse” e alle grotte di Ozieri.

In particolare al Museo archeologico con l’iniziativa “Raggiungeteci ecosostenibilmente – visita guidata gratuita al museo”, tutti coloro che  raggiungeranno la struttura in bicicletta o in monopattino, contribuendo alla riduzione del traffico e delle emissioni inquinanti, potranno visitare le sale gratuitamente.

L’iniziativa proposta dagli operatori dei siti archeologici che si terrà domenica 25 settembre 2022 è “Una passeggiata Archeologica: apertura straordinaria con visita guidata alle  Grotte del Carmelo e Mara, e visita alla Grotta San Michele con vista guidata”,.

L’idea, pensata per far conoscere una parte fondamentale dei beni culturali della Città di Ozieri, vuole far riflettere sul tema della sostenibilità, del rispetto e della salvaguardia del patrimonio culturale.

I visitatori saranno condotti, attraverso in un breve percorso di trekking urbano, alla scoperta delle grotte di Ozieri, situate nel colle dei Cappuccini.

Partendo dalla grotta di San Michele, si proseguirà verso la grotta Mara e, per finire, si raggiungerà la grotta del Carmelo. Nel corso dell’escursione verranno illustrate le caratteristiche peculiari di questi monumenti naturali di grande importanza archeologica.

Saranno previste due escursioni, domenica mattina, dalle ore 10:30 e domenica pomeriggio, a dalle ore 15:30 con partenza dal piazzale dalla grotta San Michele.

Il percorso, della durata di circa due ore, è adatto alle famiglie con bambini.

Si consiglia di indossare abbigliamento comodo e scarpe sportive.

Per prendere parte all’escursione è obbligatoria la prenotazione, da effettuarsi contattando l’ufficio turistico della Grotta San Michele al numero 079 771131 (dal martedì alla domenica, dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00) entro e non oltre sabato 24 settembre.

Il contributo di partecipazione è 3 euro a persona.   

Stampa

 

 

 

GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO


Il 22 settembre, in occasione delle Giornate europee del patrimonio, presso il Sito di Sant'Antioco di Bisarcio i responsabili e gli studenti universitari che hanno scavato durante la settima campagna di scavo illustreranno le aree dalle ore 9.00 alle ore 13.00.
Il pomeriggio alle ore 17.00, si svolgerà la presentazione della mostra fotografica "Bisarcio live archaeology", a cura di Marco Milanese, presso il Civico Museo Archeologico "Alle Clarisse" che per l'occasione sarà aperto fino alle 21.
La mostra sarà aperta dal 22 al 30 Settembre.

In occasione delle Giornate del Patrimonio il biglietto di ingresso al Museo Archeologico avrà un costo promozionale di € 1.

Gli eventi sono realizzati dall'Università di Sassari, Scienze dell'uomo e della formazione, in collaborazione con l'Istituzione San Michele e il Comune di Ozieri #museozieri Istituzione San Michele

Stampa

 

Venerdì 24 marzo nei locali della pinacoteca cittadina alle ore 18.00 Giuseppina Carta presenta il suo libro “E’ gratuito sognare”.

L’autrice, dopo aver attraversato varie esperienze artistiche, ultimamente si sta dedicando con successo alla poesia. Con la sua prima silloge, ha voluto esprimere le sensazioni legate ai sentimenti e alle profonde riflessioni sulla vita, allo scorrere del tempo, alla gioia, al dolore e alla sua terra.

Per Giovanni Andrea Negrotti, “la sua poesia ci fa percepire e gustare qualcosa di ingenua fanciullezza. La verità è velata nelle parole, nei pensieri, nelle immagini dei sogni e nelle sue sinuose geografie. Poesia sfuggente da maglie troppo strette e improprie, questa sua prima raccolta orgogliosamente in versi sciolti”.

Le poesie di Giuseppina Carta, secondo Katia Debora Melis, “hanno la stessa delicatezza e nitidezza delle sue tele, sono movimento lieve, ma continuo, dell’anima e del corpo che, però, appare quasi rarefatto e tende a scomparire rispetto ai sentimenti e alle profonde riflessioni sulla vita, sul tempo, la gioia e il dolore”, Giuseppina Carta ci guida, “dipingendo quadri di versi, dove è facile trovare forza e forma”.

Quando si prende in mano la silloge “È gratuito sognare” si resta affascinati dalla sensibilità d’animo della poetessa, che seppur alla sua prima opera, dimostra una maturità e un’esperienza, nel gestire i versi delle sue poesie.

I temi affrontati da Giuseppina Carta, sono i più disparati e spaziano dal dramma dei bambini soldato, a quello ricorrente dello scorrere della vita, con le infinite gioie e malinconie, che vi sono rappresentate in ogni sfumatura. Una raccolta, offerta con garbo e timidezza, tipica delle ragazze del Barigadu, che si legge avidamente, quasi assaporando la stessa gioia che deve aver avuto l’autrice nello scrivere quei versi.

Affronta temi caldi, come le parole accese per denunciare violenze e soprusi sulle donne e i bambini, di solidarietà per eventi catastrofici e di conflitti tra le mura domestiche.

Giuseppina Carta nasce ad Ardauli (OR), ma da tempo vive a Siniscola (NU). Si impegna da anni in molteplici attività culturali, sperimentando varie forme d'arte dal teatro alla pittura, esponendo sue apprezzate opere in mostre collettive e rassegne in diverse località sarde, sino alla poesia, lungamente coltivata, sia in modo più intimo e personale che collettivo e condiviso in spettacoli e reading cui frequentemente partecipa. Nel 2015 pubblica il suo primo libro di liriche, "É gratuito Sognare" edito da N.O.S.M. (Collana Ars Poetica), con note critiche di Gan Giovanni Andrea Negrotti, Annamaria Dulcinea Pecoraro, Katia Debora Melis. Con Amore a piene mani Giuseppina Carta è alla sua seconda pubblicazione che contiene anche testi inseriti in numerose e prestigiose antologie e premiati in concorsi letterari.

Presenta la serata Marella Giovannelli.

Pagina 14 di 53

center>