Piazza Carlo Alberto
in evidenza L'appuntamento del 12 maggio con "Un te al museo" è stato rimandato; prossimi appuntamenti il 19 maggio con l’archeologo Alessandro Vecciu sul tema del monachesimo in Sardegna e il 26 Maggio con Mario Lai, esperto d'arte - Sabato 14 maggio alle 18.30 al Museo Archeologico "Alle Clarisse" seminario con Claudia Zedda "La magia del lievito madre" in collaborazione con il Mulino Galleu - Nuovi orari estivi: Chiesa di Sant'Antioco di Bisarco e 10.00 - 13.00; 14.30 - 19.00; Grotta San Michele 10.00 - 13.00; 15.00 - 18.00
Stampa

 

 

Ad Ozieri, nella cinquecentesca chiesa dedicata ai santi Cosma e Damiano, sul Colle dei Cappuccini sono sepolte le reliquie di San Valentino: il 14 febbraio si festeggia il santo patrono dell’Amore.

L’Amministrazione Comunale, con l’Istituzione San Michele e i volontari del Servizio Civile in servizio al Museo Archeologico “Alle Clarisse”, vogliono rinnovare il consueto appuntamento.

Il 16 febbraio alle 17.30 nella Chiesa Santi Cosma e Damiano sarà celebrata la Messa per festeggiare le Nozze d’Oro e d’Argento per i 50 o i 25 anni di matrimonio, i novelli sposi del 2018 e tutti coloro che vogliono rinnovare la promessa d’amore.

Si proseguirà nella Pinacoteca Cittadina “G. Altana”, dove l’Amore verrà celebrato in ogni sua forma: si parte con l’esibizione degli allievi della Classe d’insieme del maestro Gianni Gadau della Scuola Civica Sovracomunale di Musica del Monte Acuto.

La serata si concluderà con l’inaugurazione della mostra d’arte contemporanea “Sfumature d’Amore”: realizzata dai Volontari del Servizio Civile, coinvolge giovani artsti emergenti provenienti da tutta la Sardegna. La mostra, caratterizzata da pitture, installazioni e fotografie che avranno come soggetto  l’amore attraverso tutte le sue sfumature, sarà  visitabile dal 16 al 23 Febbraio 2019, dalle ore 15 alle 18.

A conclusione un piccolo momento conviviale offerto dall’Amministrazione Comunale.

Come è ormai consuetudine,  sarà donato un omaggio alla coppia di sposi più longeva di Ozieri Giuseppe Sarobba e Paola Tiana che festeggiano 66 anni di matrimonio.

 

 

Stampa

 

Venerdì 7 settembre 2018 alle 19.00 ritorna l’Apericena dell’Istituzione an Michele.

Attraverso un percorso di accostamenti enogastronomici, letterari e storici, i nostri ospiti scopriranno come cibo, storia e letteratura si esaltino a vicenda, fondendosi in un’unica esperienza.

Un incontro in cui poter approfondire le proprie conoscenze culturali e culinarie attraverso la storia di luoghi suggestivi. Per questa occasione è stata individuata la Chiesa di Sant’Antioco di Bisarcio come location per rivivere il Medioevo, in periferia di Ozieri: un capolavoro di architettura romanica in Sardegna.

Durante la serata dopo la visita alla chiesa si potrà assistere alle danze medievali del Gruppo storico medievale Ardara, intervallati dallo spettacolo di giocoleria di Matteo Ruzzu e dalle letture dell’attrice Carmela Arghittu.

L’atmosfera del passato sarà rievocata anche con i sapori delle pietanze medievali preparate da Mariantonietta dell’agriturismo Sa Tanca e Muros Rujos di Ozieri.

Sarà inoltre possibile visitare la mostra “Romanico” di Lorenzo Pes: frammenti di facciate romaniche tridimensionali

Il 20 agosto sono iniziati i lavori del Bisarcio Project e della Campagna di scavo 2018 che proseguiranno fino al 21 settembre grazie alla collaborazione tra l’Università turritana e l’Amministrazione Comunale di Ozieri, sotto la sorveglianza della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro. In occasione dell’Apericena a Bisarico sarà possibile vedere l’area dove si svolgono gli scavi archeologici.

La quota di partecipazione è di € 18, la prenotazione è obbligatoria entro il 5 settembre. Per informazioni 079787638

 

Stampa

 

Giovedì 8 settembre alle 17 i bambini di età compresa tra 7 e 12 anni sono invitati a partecipare all’Arkeotrekking dell’istituzione San Michele gli operatori accompagneranno i partecipanti alla Chiesetta di San Nicola, passando per il Nuraghe Sa Mandra ‘e Sa jua, fino al ponte romano Pont’Ezzu.

Si partirà dalla chiesetta di San Nicola, risalente al XIII secolo, in stile pisano, è realizzata in blocchi squadrati di pietra trachitica rossastra. La leggenda narra che la ricostruzione della chiesetta fu opera degli abitanti di uno degli otto villaggi che diedero vita ad Ozieri.

Si proseguirà alla volta del nuraghe Sa Mandra e sa Jua, che è sicuramente uno dei monumenti più interessanti ma anche più misteriosi della nostra storia. Frequentato ininterrottamente fino al medioevo, il complesso è costituito dal nuraghe e dal circostante villaggio di capanne circolari e rettangolari. Il nuraghe presenta una torre centrale, a cui si addossano due torri laterali che racchiudono ognuna due ambienti.

Il trekking si concluderà al ponte romano Pont’Ezzu: ponte, costruito dai romani in età imperiale, è un notevole esempio di architettura monumentale.

Lungo 89 metri, largo 4,30, edificato su sei arcate, è stato realizzato lungo il percorso che collegava Olbia a Cagliari, per il superamento del fiume Rio Mannu.

Utilizzato fino a qualche decennio fa, nel tempo ha subito molti interventi che hanno modificato l’originale struttura romana.

Per le prenotazioni contattare la segreteria dell’Istituzione San Michele (079787638) o il Museo Archeologico “Alle Clarisse” (0797851052): sarà un pomeriggio diverso e divertente, che si concluderà con una piacevole merenda!

Stampa

 

Dal 15 marzo riaprono al pubblico la sede della Biblioteca Comunale di San Nicola e le sale studio, lettura e multimediale della sede centrale Biblioteca

La Biblioteca di San Nicola si trova nella nuova sede presso il BLuS (Biblioteca, ludoteca e spazio giovani - ex-centro di Aggregazione Sociale) in corso Aldo Moro nei seguenti orari: lunedì e mercoledì  dalle 10.30 alle 12.30 e dalle16.30 alle 18.30, martedì e giovedì  dalle16.30 alle 18.30

Saranno garantiti i servizi di prestito e restituzione dei libri, e la possibilità di frequentare, secondo le norme previste dal regolamento, la sala lettura e studio, e nella sede centrale anche la sala multimediale.

Anche in questa fase di apertura contingentata vengono garantite tutte le misure di sicurezza previste dalle norme di contenimento del contagio del Covid-19, in vigore fino al termine dell’emergenza sanitaria. Sarà infatti sempre necessaria la prenotazione per tutti i servizi al  numero 079787638, e via e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Per l’accesso alle postazioni si dovranno osservare queste semplici regole:

  • indossare sempre la mascherina per tutto il periodo di permanenza in biblioteca;
  • igienizzare le mani presso i distributori di gel presenti nei locali;
  • mantenere il distanziamento sociale prescritto di almeno 1 metro.

Per conoscere tutte le norme da seguire per l’accesso in sicurezza alla biblioteca si può consultare il regolamento sul sito dell’Istituzione San Michele www.welcometozieri.it o sulla pagina Facebook della biblioteca, è disponibile anche presso il servizio di Accoglienza.

REGOLAMENTO ACCESSO BIBLIOTECA

REGOLAMENTO ACCESSO SALE LETTURA E STUDIO

Stampa

L’Istituzione San Michele, in collaborazione con l’associazione Arkenatour di Pattada, per domenica 24 settembre ha organizzato la ”2°giornata Arkeotrekking Bisarcio”: giornata all’insegna della cultura e dell’attività fisica all’aria aperta

Le guide dell’Istituzione accompagneranno i partecipanti alla scoperta dei siti archeologici che si incontreranno lungo il percorso: territorio di Bisarcio, nel Comune di Ozieri, è ricco di importanti testimonianze che vanno dall’età preistorica e protostorica a quelle di età medievale.

L’incontro è alle 9.00 nel villaggio ai piedi della chiesa romanica, da dove si partirà alla volta del villaggio e del pozzo medievale per proseguire verso le domus de Janas di Monte Ardara, importanti testimonianze della Cultura Ozieri. Si raggiungerà la località di Luzzanas, dove si trova il famoso riparo sottoroccia con pitture antropiche in ocra rossa, considerate tra le più rare in Sardegna. Qui ci si fermerà per il pranzo al sacco.

Nel primo pomeriggio il percorso continuerà verso il nuraghe Mannu: formato da una piattaforma, attraversata da corridoi, al centro della quale si eleva una torre alta circa 10 metri con camera coperta a “tholos”, in parte crollata e affiancata da due corpi laterali.

L’itinerario si concluderà nella chiesa di Sant’Antioco di Bisarcio, con la sua maestosa testimonianza della fase medievale.

Per chi volesse si potrà percorrere un tratto di strada in macchina per raggiungere le domus de Janas di S’inzenzu e l’omonima tomba dei giganti, importante testimonianza dei età nuragica resa fruibile per l’occasione.

A conclusione della giornata, ai partecipanti sarà offerta una merenda a base di prodotti locali.

Il percorso di Bisarcio non presenta rilevanti difficoltà tecniche da superare. Tranne dopo circa un chilometro, quando si lascerà la strada di penetrazione agraria sino ad arrivare alle Domus di Monte Ardara, dove  sono previsti alcuni strappi con dislivelli e assenza di sentiero.

Il tracciato di KM 5,26 ad anello, per un dislivello di 152 m, dunque è da ritenersi di facile percorribilità ed è adatto a qualsiasi persona che abbia un minimo di preparazione e attitudine nel camminare su sterrato e terreni sconnessi.

La quota di adesione è di € 15,00 (gratis per i bambini sotto i 15 ann). Si raccomandano un abbigliamento comodo, scarpe da trekking e una quantità sufficiente di acqua.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire antro il 21 settembre e consegnate a mano presso gli uffici della segretaria dell’Istituzione San Michele e inviate via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. . I moduli possono essere scaricati dal sito dell’Istituzione www.welcometozieri.it  o dalla pagina Facebook dell’Istituzione.

In caso di mal tempo l’escursione verrà rinviata.

Per informazioni 079 787638

Visibile anche sul sito http://it.wikiloc.com

MODULO DI ADESIONE

 

Pagina 2 di 45

center>